La corretta alimentazione dell’anziano

corretta alimentazione anzianiLa corretta alimentazione dell’anziano è un pilastro fondamentale del “successful aging” (l’invecchiamento di successo).

Noi tutti desideriamo invecchiare in salute, mantenere le nostre funzioni fisiche e cognitive in condizioni ottimali per avere buona qualità di vita il più a lungo possibile.

Si assiste da anni ad un costante aumento dell’età media delle persone a cui però non corrisponde un miglioramento della qualità della vita. Sono aumentate le Malattie Non Trasmissibili (NCD) come diabete, tumori, aterosclerosi (e quindi ischemie e infarti) ed è aumentato il tempo di vita vissuto con malattia e disabilità (DALY).

La corretta alimentazione secondo l’Ayurveda

Come invertire questa rotta a partire da noi stessi?

L’Ayurveda ci viene in aiuto in quanto da secoli insegna la prevenzione e la corretta alimentazione che, per invecchiare bene, dovrebbe essere attuata sin dalla mezz’età, quando la prevalenza del Pitta (Fuoco) Dosha inizia a declinare per lasciare il posto alla prevalenza del Vata (Aria) Dosha.

Per l’Ayurveda una dieta bilanciata prevede in ogni pasto la presenza, in ordine decrescente, di carboidrati, proteine, lipidi, vitamine e sali minerali.

Nella terza età, però, molto spesso compaiono delle alterazioni della funzionalità masticatorie e digestive (Agni) che possono portare a carenze nutritizionali dovute alla difficoltà di assimilazione dei nutrienti.

Come prima cosa, quindi, si dovrebbe migliorare la propria capacità digestiva, perché se non si attua questo anche un buon cibo o delle combinazioni alimentari corrette non porteranno i frutti desiderati.

I consigli per migliore l’alimentazione nella terza età

Per migliorare l’assimilazione degli alimenti, l’Ayurveda consiglia di:

  • cuocere tutti i cibi con aromi e spezie , ma evitando il peperoncino rosso, irritativo delle mucose gastriche e intestinali. Puoi trovare ispirazione nelle tante, facili e veloci ricette presenti su virya.com ;
  • diversificare i cibi da mangiare seguendo ad esempio la stagionalità di frutta e verdure;
  • consumare abbondantemente olio extra vergine d’oliva (EVO) crudo e ghee (burro chiarificato) per mantenere il cervello lucido ed elastiche le pareti di vene e arterie;
  • mangiare semi oleosi, anche sotto forma di crema di mandorle, nocciole, ecc. ricchi di proteine, lipidi buoni e sali minerali;
  • assumere integratori alimentari come il Jaranam Virya® se hai bruciori o acidità di stomaco; oppure Jathara Virya® se hai il fegato appesantito; Gam Virya® se hai gonfiori addominali.

Dovresti, invece, limitare notevolmente l’assunzione di:

  • formaggi e yogurt in quanto, secondo l’Ayurveda, favoriscono l’occlusione dei vasi sanguigni e linfatici e la produzione di muco. Quando capita di mangiarli condisci, soprattutto i formaggi freschi, con spezie come Trikatu Virya® e Appeto Virya® e molto EVO per stimolare la loro digeribilità;
  • banane e frutta esotica che, nel nostro clima, hanno un’azione simile ai formaggi;
  • grassi animali (salumi e insaccati) ricchi di lipidi cattivi;
  • cibi industriali, quelli in buste o in scatola già pronti, difficili da digerire;
  • dolciumi, il loro abuso favorisce il diabete.

Conclusioni

Una dieta variegata farà in modo che tu abbia energia per eseguire qualsiasi attività fisica come passeggiare, ballare. Ti permetterà di avere una mente attiva e creativa, vogliosa di leggere e ricca di tanti interessi.

Inoltre, ti darà energia per approfondire la conoscenza di te stesso e la tua spiritualità.

Essere sani da anziani ti permetterà di guardare con occhi nuovi le tue passate esperienze e appassionarti alle bellezze della vita che gusterai vivendo attivamente i tuoi interessi.