digestione-difficile-pomodoro1
Alimentazione Consigli Sistema Digestivo

Digestione difficile: il pomodoro

Digestione difficileIl pomodoro, negli ultimi anni, è diventato uno degli alimenti principali della dieta mediterranea, ma presenta una caratteristica importante: è difficile da digerire! Scopriamo perché.

Proprietà

Il pomodoro è costituito prevalentemente da acqua, oltre il 90%, da zuccheri (3,5%), proteine (1%), grassi (0,2%), per un totale di 20 calorie all’etto. Il suo valore nutrizionale è dovuto quasi del tutto alla presenza di vitamine e sali minerali.

Infatti, il pomodoro maturo è ricco di:

  • vitamina A e C, quest’ultima contribuisce al suo gusto acidulo; vitamine del gruppo B, vitamina D, vitamina E;
  • sali minerali, potassio e sodio, che aiutano la diuresi, ferro, zinco, selenio, fosforo e calcio;
  • licopene, un carotenoide concentrato soprattutto nella buccia, che negli ultimi anni ha attirato l’attenzione dei nutrizionisti, in quanto sembra utile nella prevenzione di alcuni tumori come quello delle ovaie. Secondo alcuni studi aiuterebbe anche a contrastare l’invecchiamento e la perdita di elasticità dei tessuti che si possono manifestare, ad esempio, dopo una dieta (formazione di smagliature) e in menopausa;
  • acidi organici, in modica quantità, quali malico, citrico, succinico, che dovrebbero favorire la digestione.

Anti-nutrientiDigestione difficile pomodoro

Il pomodoro, soprattutto quello acerbo o semi-maturo, presenta la solanina, alcaloide tossico per l’organismo, che non scompare con la cottura. Non si conoscono avvelenamenti a seguito dell’ingestione di questa verdura, ma è risaputo che può provocare reazioni allergiche e di intolleranza in alcuni individui. Per questo le persone che presentano allergie o intolleranze NON dovrebbero mangiare il pomodoro, ma anche gli altri farebbero bene a mangiarlo con moderazione.

Secondo l’Ayurveda

Il pomodoro ha sapore acido e lievemente dolce.

Presenta due peculiari comportamenti rispetto a tutti gli altri alimenti:Digestione difficile pomodoro

1 – quello di essere un accettore di calore, cioè cattura su di sé il calore.

2 – induce Agni-mandya: durante la digestione assorbe su di sé tutto il potere digestivo della persona, senza lasciarne agli altri cibi con cui è mescolato.

Quindi, gli spaghetti, la carne, la mozzarella, la pizza, accompagnati dal pomodoro rimangono non digeriti e si trasformano in muco-AMA. AMA sono quelle sostanze che l’Ayurveda riconosce come causa di malattia, in particolare di intolleranze e allergie, disturbi in crescita esponenziale negli ultimi anni.

Per tutte queste ragioni, l’Ayurveda consiglia di mangiare il pomodoro solo alle persone adulte con forti capacità digestiva e da solo. Dovrà essere ben maturo, ben condito con olio extra vergine d’oliva, basilico, origano, pepe, sale, Appeto Virya® e Trikatu Virya®. Quindi, può essere mangiato a merenda, senza pane. In questo modo sviluppa le sue proprietà ri-mineralizzanti e rinfrescanti in quanto capta il calore, come abbiamo visto.

Curiosità

Digestione difficile dei pomodori

Dal punto di vista botanico, il pomodoro è un frutto, ma normalmente viene considerato una verdura.

Tale definizione fu sancita dalla sentenza del 10 maggio 1893 della Corte Suprema degli Stati Uniti che

poneva fine a una lunga disputa sull’applicazione delle tariffe doganali della verdura e della frutta. La frutta non pagava tasse, mentre le verdure avevano dazi elevati.

La sentenza fu scritta dal giudice Horance Gray che ricorse ad una argomentazione inaspettata. Ammise che il pomodoro era botanicamente un frutto, ma questo frutto veniva abitualmente servito come alimento principale del pasto insieme a zuppe, pesce, carne e non come dessert, come generalmente la frutta veniva servita a tavola. Perciò il pomodoro era consumato come verdura e tale rimaneva anche per quanto riguardava la tariffa doganale.

Virya Shop

Virya Shop